Condividi la petizione: "La cannabis come medicina"

Firma e fai firmare .. Gruppo Facebook:


Translate

sabato 9 novembre 2013

FARMACI NAZIONALI A BASE DI CANNABINOIDI E CANNABIS

Ascolta il post Listen to this Page. Powered by Tingwo.co
Torna alla Home Page
Canapa medicinale – tra ricerche e sperimentazioni, con Giampaolo Grassi, Direttore del CRA di Rovigo
Qui coltiviamo la canapa «sicura» per i malati; è l’unico centro in Italia che produce canapa a uso medico in ambiente indoor. L’obiettivo? Farne un polo di eccellenza”.
CENTRO DI RICERCA – Non vi aspettate le piantagioni di cannabis nascoste tra i boschi della contea di Mendocino o le distese di marijuana della Napa Valley, in California. Non siamo più nel 1896, quando l’Italia era il secondo produttore mondiale di canapa da fibra (100mila ettari di coltivazioni) e nel Delta del Po, a Carmagnola e a Caserta crescevano foreste di canapa autoctona alta fino a tre metri. Nella ricca terra veneta, la sede distaccata di Rovigo del Centro di ricerca per le colture industriali del CRA (il più grande ente italiano di ricerca in agricoltura, controllato dal Ministero delle Politiche agricole) conserva in una piccola serra esterna soltanto poche decine di pianticelle di canapa appunto da fibra e quindi innocue.
Ogni tanto qualche ragazzotto della zona se le porta via, pensando di fumarsi chissà che. Invece inalerà al massimo un po’ di erba secca. A preoccupare di più Gianpaolo Grassi, 55 anni di Ferrara, sposato e con due figli, direttore dell’istituto fondato nel 1912 dall’agronomo Ottavio Munerati come “Regia Stazione sperimentale di bieticoltura”, sono in realtà i cambi della guardia tra le Forze dell’ordine. Ogni volta ai nuovi comandanti viene in mente di mandare in via Amendola grandi spiegamenti di uomini e mezzi, per sequestrare le piante di cannabis (queste sì psicoattive) ben custodite all’interno dell’edificio di tre piani in mezzo alla campagna. Poi (almeno finora è accaduto così) tutto si chiarisce.
PATRIMONIO – Ma l’assillo maggiore dell’agronomo è salvare l’istituto dall’oblio (un patrimonio da museo solo in libri, riviste e macchinari d’epoca) e lanciarlo una volta per tutte con la sua eccellenza: è l’unico centro in Italia in grado di produrre canapa a uso medico in ambiente indoor.
«Nel 2002, quando decisi di specializzare il Centro nella coltivazione della canapa invece della barbabietola, — racconta Grassi — i miei colleghi dicevano che non ce l’avrei mai fatta. Invece se ora riesco a tenere in qualche modo uno spiraglio aperto per poter continuare è proprio merito della canapa, perché stiamo lavorando con finanziamenti privati o europei che riguardano al 99% la canapa ad uso tessile. Tiriamo avanti in buona parte con i proventi dell’azienda, i circa 60 ettari legati alla coltura, anche perché una parte dell’attività è dedicata alla ricerca e da questa non è che si ricavi un granché».
La legge sull’uso dei derivati della cannabis approvata in Toscana e i progetti depositati in Veneto e in altre sette regioni potrebbero dunque far decollare il Centro di Rovigo, offrendo “materia prima” di idonea qualità per l’utilizzo in campo medico e non solo.
LABORATORI – Ai piani superiori dell’edificio ci sono i laboratori, dove vengono selezionate le varietà e analizzato il contenuto dei principi attivi. Alcune stanze ospitano le “scorte” di cannabis del Centro: quelle con molto THC (tetraidrocannabinolo, la sostanza psicoattiva), molto cannabidiolo o cannabigerolo, che sono i cugini minori del THC perché non psicotropi.
Si lavora sul raddoppio del corredo cromosomico, per ottenere una maggiore produzione di metaboliti. In altre stanze è possibile seguire l’intero ciclo della pianta. Un paradiso, per i malintenzionati. «L’intero complesso è vigilato e con allarmi — rassicura Grassi —. All’interno abbiamo regole severe da rispettare sui controlli e la sicurezza. Il materiale che può contenere sostanze stupefacenti viene tenuto in frigoriferi o stanze con chiusura blindata, sotto protezione».
Il cuore della produzione per uso farmaceutico, però, è la “serra controllata” creata in un capannone blindato. In un’atmosfera da fantascienza, sotto la luce giallognola delle lampade a 600 Watt che forniscono 25 mila lux, le piantine selezionate all’origine vengono allevate in ambiente quasi sterile. «Qui non ci sono insetti, né possibilità di contaminazioni pericolose — ci dice Grassi — e non usiamo prodotti chimici per trattare le piante. Per arrivare ad avere anche la produzione di un vegetale che poi possa essere trasformato o destinato a farmaco bisogna seguire delle procedure e ottenere un materiale che sia caratterizzato da livelli elevati di salubrità e di assenza di contaminazione. La pianta deve produrre il massimo e il prodotto deve essere uniforme in qualunque stagione e con qualsiasi temperatura. Una delle caratteristiche ricercate dal prodotto farmaceutico è proprio la costanza e la standardizzazione del principio attivo».
SICUREZZA – Questo per dare la massima garanzia al paziente e al medico, sia sull’origine che sull’efficacia del farmaco. «Se i malati recuperano la canapa dal mercato nero, — aggiunge — rischiano, perché possono assumere qualunque tipo di sostanza, oltre ai cannabinoidi. E certi signori non sono tanto ligi alle regole della buona pratica di produzione dei farmaci».
Ma quanta sostanza si può ottenere? «In questa serra alleviamo mediamente 150 piante. Ogni pianta produce una quantità di fiori, che è la parte più ricca e di interesse, per circa 30 grammi, per cui diciamo circa 4,5 chili di materiale. Venduto a 3 euro al grammo, sono indicativamente 14 mila euro per ciclo (il prezzo del mercato nero è di 10 euro/gr). Con un lavoro intensivo, possiamo arrivare anche a 4 cicli l’anno. Dunque potremmo guadagnare circa 56 mila euro a serra. Con due serre potremmo ricavare il finanziamento che ci consente di stare in piedi da soli».

Grassi lancia anche la proposta di creare una vera e propria filiera nazionale della cannabis medica, coinvolgendo lo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze. «Potremmo utilizzare i loro impianti per la produzione sia di farmaci sia di cosmetici estratti dalla canapa». Tutto certificato dallo Stato. E con la creazione di posti di lavoro. Perché non pensarci?

Fonte: http://sito.entecra.it/
Questo blog è un prodotto amatoriale al quale non può essere applicato l'art. 5 della legge 8 Febbraio 1948 n. 47, poiché l'aggiornamento delle notizie in esso contenute non ha periodicità regolare (art. 1 comma 3, legge 7 Marzo 2001 n. 62). Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e i post editi hanno lo scopo di stimolare la discussione e l’approfondimento sulla cannabis terapeutica, la critica e la libertà di espressione del pensiero, nei modi e nei termini consentiti dalla legislazione vigente...

This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione.Licenza Creative Commons