Translate

sabato 25 maggio 2013

Che la battaglia abbia inizio, tutti con Anonymous

Ascolta il post Listen to this Page. Powered by Tingwo.co








ciao a tutti,
sono Tronky;
attivista antiproibizionista da 20anni ormai.

i miei maestri di vita mi hanno sempre detto 2 cose:
non si smette mai di studiare e imparare -
non si smette mai di lottare -
quindi … che quando la lotta si fà dura,
e il nemico è comune,
è un dovere difendere i più deboli,
non ci devono avere mai ... come vogliono loro ...
bisogna istruirsi e rispondere sempre colpo su colpo,
non arrendersi mai,
non demoralizzarsi mai,
bisogna studiare sempre il nemico e studiare sempre le mosse per poter essere incisivi nella lotta.

Anonymous è questo che fà.

Per questo io li sostengo e sono al loro fianco nelle lotte più disparate in giro per il mondo.
Per questo ognuno di noi devi sentirsi un attivista.
veniamo al dunque:
nei giorni scorsi, 4 attivisti sono stati arrestati.
logicamente la stampa italiana non ha diffuso questa notizia!!!
dalla stampa estera apprendiamo che:
Quattro persone sono state arrestate in diverse città d'Italia, una operazione di polizia contro il gruppo Anonymous.
In un comunicato, la polizia ha confermato l'arresto, aggiungendo che i quattro presunti hacker sono attualmente agli arresti domiciliari e che operavano su Internet sotto il nome di "Anonymous". 
Essi vengono accusati di presunti attacchi informatici su siti web del Governo italiano, il Parlamento e il Vaticano a Roma.
"L'operazione di polizia ha usato il nome di Tango Down (...) come per fare satira, dato che lo stesso è il nome assegnato dai pirati quando con successo mettono una pagina non in linea .
le autorità hanno perquisito case situate a Venezia, Bologna, Roma, Torino, Lecce e Ancona, dove è stato sequestrato vario materiale informatico che sarà ora analizzato dagli esperti."

la risposta di Anonymous non si è fatta attendere e da subito ha messo " K O " con un tango down, il sito italiano di riferimento alla lotta alle droghe;
il secondo obbiettivo è stato invece il sito del tribunale di roma.
subito dopo le azioni , Anonymus ha rilasciato un comunicato:
"Qui e' dove li bloccheremo"! Qui e' dove combatteremo ! Qui e' dove moriranno !
"Pensate di averci tagliato la testa? siamo ancora vivi e continueremo a seguire i nostri ideali! "

Per me e per ognuno di noi queste devono essere le parole d'ordine.
Per me e per ognuno di noi queste devono essere ritenute belle notizie.

perché c'è in gioco le libertà individuali e collettive,
perché ogni lotta và aiutata e sostenuta.

da oggi ognuno di noi deve impegnarsi affinché la battaglia abbia inizio,
perchè mai nulla deve essere dato per scontato,
perchè mai nessuno deve proibire la libertà di ognuno di noi,
perchè noi Dobbiamo pretendere giustizia,
perchè noi siamo Anonymous!!!!!!

We are Anonymous
We are Legion
We do not forgive
We do not forget
Expect us ...

il sito italiano di riferimento per la politica contro le droghe è andato ko per svariate ore
e dallo stesso sono state prelevate informazioni utili per la nostra lotta al proibizionismo.  www.dronet_org

il video dell'attacco!!!!!!!! -


i due reindirizzamenti usati in quelle ore:
http://is.gd/LI2lbc

http://is.gd/s0UnsP

come vi ho accennato sopra la stessa cosa è toccata al sito del tribunale di roma:
http://www.tribunale.roma.it/
che è tornato in linea dopo svariate ore.

POTRANNO ARRESTARE ALCUNI DI NOI,
MA NON CI FERMERANNO!!!!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...