Translate

martedì 16 aprile 2013

Coltivare marijuana non è reato, analisi dal precedente d'assoluzione della cassazione

Ascolta il post Listen to this Page. Powered by Tingwo.co
Mi hanno aggiornato su una notizia che può essere interessare, o almeno sembrerebbe tale.
Articolo da: www.estense.com.
  • Ferrara - Coltivare marijuana per uso personale non è reato. E il bello è che lo dice la stessa legge che la vieta, la tanto vituperata “Fini-Giovanardi”. Ecco la sentenza che cambierà la sorte di centinaia di processi in tutta Italia.
    FOTOGRAFIA DAL GRUPPO "La Cannabis che mi cura (THC/CBD)".
 Logicamente si, è  interessante ma non si tratta di una legge ma solo di un precedente, come sentenza di assoluzione, non vuole affatto dire che si è legittimati a coltivare, questa cosa è ancora a discrezione del Giudice. IL PROBLEMA È CHE DURANTE LE FASI DELL'ARRESTO, PER SEQUESTRARE IL RACCOLTO DISTRUGGONO LE PIANTE ESTIRPANDOLE ALLA RADICE.

A VOLTE HANNO ANCHE IL CORAGGIO DI PESARLE ED INSERIRE NEL VERBALE,  TUTTA LA TERRA ed anche se questa coltivazione è fatta da un malato cronico, detto terminale, che per evitare di ingrassare il mercato illegale coltiva la propria medicina il carcere è di rito a volte anche per alcuni mesi, anche se afflitto da patologia.

Per come sta la legge ora, il DPA che fa pressione perché si proceda a controlli serrati,
il Senatore Giovannardi e il Dott Serpelloni loro sono i responsabili del Dipartimento Politiche Antidroga in Parlamento..

Una situazione del proibizionismo, si riflette direttamente sulle patologie di noi disabili, perché le cure Bedrocan/Bediol (THC/CBD) prescrivibili dal (sistema sanitario nazionale) SSN  già dal 2008, con l'inserimento da parte del principio attivo in tabella del farmaci 2/B, (decreto Turco) ma i medici disposti a prescrivere le cure, destinate a lenire problematiche delle più brutte malattie sono molto pochi e per nulla ben visti dai colleghi proibizionisti..

Tabella medicinali e preparati galenici
Questo è il Bedrocan, il farmaco alla Cannabis miracolose per tantissime gravi patologie.. 

Ora, dopo anni di attesa a gennaio il Ministro Balduzzi ha inserito ufficialmente la cannabis tra le sostante a valore terapeutico, sapendo che era un atto dovuto e voluto dalla comunità europea, hanno provveduto a rendere pubblico il Decreto del Ministro della Salute.

DECRETO (23 gennaio 2013) IL MINISTRO DELLA SALUTE   http://www.legalizzameno-stresspiucultura.com/.


Quindi nella realtà della cose, nessun cambiamento per l'approvvigionamento, nessun intenzione di aiutare chi ha la fortuna di passare hai farmaci cannabinoidi, anzi continuano ad imporre il fallimento del protocollo terapeutico convenzionale, in più c'è una commissione di medici che decide chi ne ha avuto abbastanza di psicofarmaci, neurolettici e antidolorifici sulla base dei certificati sempre redatti da loro stessi colleghi. Neanche a dire che ci facciano pagare qualcosa per torturarci. TUTTO GRATIS..

Dai farmaci convenzionali, a volte il THC/CBD riesce a sostituire le costose terapie convenzionali per la SM, i più temerari riuscendo a fare pressione su una sanità dalle vedute aperte come in Puglia dove la cannabis terapeutica è dispensata gratuitamente dal ASL Regionale; in altri casi come nel mio che devo prendere farmaci per tutta la vita, mi permetterebbe di nutrirmi adeguatamente tanto da poter assumere la terapia che me la salva. Invece a volte senza mangiare almeno un solo pasto al giorno certamente mi ritrovo a saltare le assunzioni, con gravi ripercussioni sulla mia patologia.

Nel mio caso particolare mi furono prescritte una prima volta nel 2011, ma nessuno mi spiego come procedere, la prassi era pressoché sconosciuta a tutti i medici. Cosi mi rivolsi in reparto ospedaliero della mia città e al mio medico curante, quest'ultimo mi invio al SERT invece il direttore dell'ambulatorio mi diede del drogato consigliandomi di smettere dicendomi che mi avrebbe ucciso.. Proprio in quei giorni precedenti ero stato arrestato perché avevo due piccole piantine di 40 giorni sul balcone, era lo stesso dottore che è medico è responsabile del carcere mi disse durante la visita medica il giorno dopo la mia entrata, "visto che fine hai fatto per la tua cannabis" ma lui ora sostiene di avermi detto che devo stare attento, il Magistrati hanno il potere sulla vita politica della nazione (deformazione da exassessore del PDL dimissionario) .. La vedo difficile comunque come tesi da sostenere in un carcere di massima sicurezza. Ho continuato a lottare, al SERT dopo una lunga attesa tra tossici che aspettavano il metadone mi ha ricevuto il direttore, credo fosse, ha ascoltato le mie problematiche e non mi ha negato un aiuto, passandomi solo una fotocopia, con un  post-it recante il nome della direttrice della farmacia, ma senza che seppe darmi nessuna spiegazione in merito.

Cosi anche presso il reparto di algologia, dove si occupano della terapia del dolore la prima visita dopo pochi minuti volevo già andarmene poi fermato da mia mamma, perché mi dicevano che loro non potevano intervenite se non c'era un'aspettativa di vita inferiore hai tre mesi.

Vi ricordo che ci stiamo muovendo perché ci sono 20 Kg di erba cannabis medica dell'Ente CRA di Rovigo, destinata alla distruzione,e c'è una ditta disposta a trattare la medicina hai raggi gamma
per essere subito distribuita hai pazienti. L'Ente CRA   ha messo a disposizione le sue culture mediche sperimentali per soddisfare le nostre esigenze di chi ne facesse richiesta al proprio medico, viste le immonde difficoltà e le elevate spese per importare dall'Olanda a carico dei pazienti, per noi malati è estremamente importante che si FIRMI LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG 

CON QUESTO PER ORA VI SALUTO, RINGRAZIO CALOROSAMENTE CHI VORRÀ AIUTARE L'UNICA VIA PER LA LEGALIZZAZIONE DELLE CURE PREVENTIVE THC/CBD ITALIA IN FUTURO PER LE PERSONE SANE. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...