Translate

domenica 1 gennaio 2012

ENCOD BULLETIN ON DRUG POLICIES IN EUROPE JANUARY 2012

Ascolta il post Listen to this Page. Powered by Tingwo.co

MEDICAL CANNABIS IN ISRAEL
Israel has a unique national medical cannabis program with 7500 legally authorized patients allowed to purchase 30 grams of Medical Grade Cannabis (MGC) per month from 8 approved suppliers. The program’s evolution from – "Ah, Marijuana for sick people – you are crazy!" to the current theme of "wow – patients lives are being transformed" was, and still is, a teeth-grinding activist’s struggle that has now been shaped into a state wide program. On the way we had to educate the parties involved, formulate an ever evolving modus operandi and protect this fragile program from villains who constantly attacked it. The modern story of Medical Cannabis in Israel spans over 16 years but its roots are planted in ancient local and foreign cultures and pharmacopeias.
During 1995 I participated (with Shlomi Sandak) as a public representative in "The Committee to examine the legal status of Cannabis". The committee was nominated by the head of Parliament’s Drug Committee, Rafel Eitan, known for his toughness and rigidity. The outcome, as I saw it, was pre-determined by him and the committee was just a farce to appease the growing public pressure we made through demonstrations and media exposure.
The committee had two recommendations:
1) Not to change the legal status of cannabis and continue to criminalize cannabis users, and
2) Allow and regulate access to medical cannabis for severely sick patients.
The second recommendation was of course extremely positive and important. What helped was that there was an FDA-approved synthetic THC pill (Marinol or Dorabinol) available on the market that was studied extensively in the US and that THC was shown to be beneficial for two major indications: Reduction of nausea and vomiting due to chemo therapy and as an appetite enhancer. What was necessary now was to provide access to patients to the raw cannabis flowers and not the pills that the patients hated taking due to cost, delayed onset of effect and high levels of psychoactivity.

On November 1, 1999 the Ministry of Health established an advisory committee with the role to: "Establish standards for the medical use of cannabis". Initially the Ministry allowed the patients to grow 5-6 plants but it soon became apparent that many were too sick to grow and attend them.
Time moved slowly with the MOH. Each patient who applied had to bring a recommendation from a specialist in his/her field and many doctors declined that recommendation. As more patients approached the ministry and many were refused we almost reached a stand-still. The final decision to approve requests was in the hands of one man - the Deputy Director of the MOH.
The infamous 1961 Drug Convention stipulates that in order to use illegal drugs such as cannabis for medical uses, the signing country had to establish a special monopolistic "Agency" to regulate all aspects of the medical use of an illegal drug – meaning: the manufacturing, distribution, imports and exports etc. Only during 2003 did the Dutch government legally establish the "Agency" and selection of growers as well of export has become possible.
Not until 2007 did the MOH agree to provide (for a healthy grower with no criminal record) a license to grow 50 plants but on the condition that he supplied the Medical Cannabis to patients free of charge. The grower started growing the MC in his parent’s property in the Galilee and his mother – a biology teacher, became the garden’s caretaker. He initially distributed the cannabis from his ground floor apartment in Tel Aviv. The Ministry then provided licenses for a total of 17 other growers. Some never got off the ground due to the investment required, so as of today 8 serious growers remain. The free distribution was possible for a short time but the "no income" model was not a sustainable one as it costs a lot of money to produce organic, standardized MC. Donations were needed to maintain the growers.
After 18 months of "free cannabis to patients" the Ministry allowed the growers to charge about 100 dollars for about 40 grams per month. That quantity was later reduced to 30 grams due to fears that the MC was seeping into the black market. Slowly the number of patients had risen – personal and press stories spread the word on the multiple benefits of MC. In 2009 the MOH allowed us to open a distribution center. A group of volunteers started distributing the MC in a small 16 square meter room. While the MC and training was free, clients bought papers, rolling machines and vaporizers. For the majority of them, smoking cannabis was a completely new experience. We taught them how to roll a joint, how to inhale and exhale, how not to burn the throat and what the side effects are. We provided them with a few different strains so that they could find the one best for their symptoms. Also available were brownies, and oil for under the tongue drops for those for whom smoking was a problem. The patients were so grateful for the change Cannabis brought to their lives.
The state, for its part, tried to move forward with the regulation of the program since it expanded very fast. The Anti-Drug Authority received a mandate from the MOH to issue a tender to set guidelines for grower’s selection, quality and price. That move was blocked by the growers in court on grounds that according to UN drug conventions, the only body that has the authority to regulate the medical use of prohibited drugs is a "special Agency" and that agency had not been established at that time by the government.
A few months ago, in a historic decision, the Israeli Government decided officially to form and budget the creation of this "special multi-ministerial agency", consisting of representatives from the MOH, the police, Ministry of Agriculture, Anti-Drug authority and the Internal Security Ministry. The monopolistic government agency will regulate all aspects of the MC program including issuing tenders for growers, distribution, imports and exports. It is supposed to start operating late during 2012.
By Boaz Wachtel (with the help of Peter Webster)



BOLLETTINO ENCOD SULLE POLITICHE DELLE DROGHE IN EUROPA
Gennaio 2012
CANNABIS MEDICA IN ISRAELE


Israele ha un unico programma nazionale di cannabis medica con 7500 pazienti legalmente autorizzati possono acquistare 30 grammi di cannabis per uso medico (MGC) al mese da 8 fornitori approvati. L'evoluzione del programma dal - " Ah, marijuana per i malati - sei pazzo! " al tema attuale di " wow - la vita dei pazienti si stanno trasformando "è stato, ed è ancora, lotta di un dente di macinazione, attivista che è stato modellato in un programma statale di larghezza. Lungo la strada abbiamo dovuto istruire le parti in causa, formulare un modus operandi in continua evoluzione e proteggere questo programma fragile da cattivi che costantemente attaccato. La storia moderna della cannabis medica in Israele si estende su più di 16 anni, ma le sue radici sono piantate nelle antiche culture locali e straniere e farmacopea.
Nel corso del 1995 ho partecipato (con Shlomi Sandak) come rappresentante pubblico "Il Comitato di esaminare lo status legale della cannabis". Il comitato è stato nominato dal capo del Comitato della droga Parlamento, Rafel Eitan, famoso per la sua durezza e rigidità. Il risultato, come ho visto, è stato pre-determinata da lui e il comitato era solo una farsa per placare la crescente pressione pubblica che abbiamo fatto attraverso dimostrazioni ed esposizione mediatica.
Il comitato aveva due raccomandazioni:
1) Per non modificare lo status legale della cannabis e continuano a criminalizzare i consumatori di cannabis, e
2) Consentire e regolare l'accesso alla cannabis medica per i pazienti gravemente malati.
La seconda raccomandazione è stata ovviamente estremamente positivo ed importante. Cosa l'ha aiutata era che c'era un approvati dalla FDA pillola di THC sintetico (Marinol o Dorabinol) disponibili sul mercato che è stato ampiamente studiato negli Stati Uniti e che il THC ha dimostrato di essere di beneficio per due indicazioni importanti: la riduzione della nausea e vomito dovuti alla chemioterapia terapia e come esaltatore di appetito. Ciò che era necessario ora è stato quello di fornire accesso ai propri pazienti per i fiori di cannabis prime e non le pillole che i pazienti prendendo odiato a causa dei costi, inizio ritardato di effetto e alti livelli di psicoattività.



Il 1 ° novembre 1999 il Ministero della Salute istituito un comitato consultivo con il compito di: "stabilire norme per l'uso medico della cannabis". Inizialmente il ministero ha permesso ai pazienti di crescere 5-6 piante ma ben presto divenne evidente che molti erano troppo malati per crescere e partecipare a loro.
Il tempo si muoveva lentamente, con la MOH. Ogni paziente che aveva applicato una raccomandazione di portare da uno specialista nel suo / suo campo e molti medici rifiutato tale raccomandazione. Come più pazienti si avvicinò al ministero e molti sono stati rifiutati abbiamo quasi raggiunto uno stand-still. La decisione finale di approvare le richieste era nelle mani di un solo uomo - il Vice Direttore del MOH.
L'infame Convenzione del 1961 stabilisce che droga per uso di droghe illegali come la cannabis per uso medico, il paese firma doveva stabilire un monopolio speciale "Agenzia" per regolare tutti gli aspetti dell'uso medico di una droga illegale - che significa: la produzione, distribuzione, le importazioni e le esportazioni ecc Solo nel corso del 2003 ha fatto il governo olandese legalmente stabilire "l'Agenzia" e la selezione di coltivatori e di esportazione è diventato possibile.



Non fino al 2007 ha fatto il MOH accetta di fornire (per un coltivatore sani con la fedina penale pulita) una licenza per crescere 50 piante, ma a condizione che egli ha fornito la Cannabis medica ai pazienti gratuitamente. Il coltivatore ha cominciato a crescere la MC nella proprietà dei suoi genitori in Galilea e la madre - un insegnante di biologia, divenne custode del giardino. Inizialmente distribuita la cannabis dal suo appartamento al piano terra a Tel Aviv. Il Ministero quindi fornito le licenze per un totale di 17 altri coltivatori. Alcuni mai decollato a causa degli investimenti necessari, in modo di oggi 8 coltivatori permangono gravi. La distribuzione gratuita è stata possibile per un breve periodo di tempo, ma il modello "senza reddito" non era una sostenibile costa un sacco di soldi per prodotti biologici, MC standardizzati. Le donazioni sono stati necessari per mantenere i coltivatori.
Dopo 18 mesi di "cannabis libera per i pazienti" il Ministero ha permesso ai coltivatori di carica di circa 100 dollari per circa 40 grammi al mese. Tale quantitativo è stato successivamente ridotto a 30 grammi dovuta al timore che la MC è stata infiltrazione nel mercato nero. Lentamente il numero di pazienti era salita - storie personali e premere spargere la voce sui benefici multipli di MC. Nel 2009 il MOH ci ha permesso di aprire un centro di distribuzione. Un gruppo di volontari ha iniziato a distribuire il MC in una piccola sala da 16 mq. Mentre la MC e la formazione era libero, i clienti comprato giornali, rullatrici e vaporizzatori. Per la maggior parte di loro, fumo di cannabis è stata un'esperienza completamente nuova. Abbiamo insegnato loro come una canna, come a inspirare ed espirare, non è come bruciare la gola e quali sono gli effetti collaterali.Abbiamo fornito loro pochi ceppi diversi in modo da poter trovare la migliore per i loro sintomi. Disponibile anche brownies sono stati, e l'olio per gocce sotto la lingua per coloro per i quali il fumo era un problema. I pazienti sono stati così grata per la cannabis il cambiamento ha portato alla loro vita.
Lo stato, da parte sua, ha cercato di andare avanti con il regolamento del programma in quanto esteso molto velocemente. L'Anti-Drug Autorità ha ricevuto un mandato dal MOH di emettere una gara d'appalto per impostare le linee guida per il coltivatore di selezione, qualità e prezzo. Che si muovono è stato bloccato dai coltivatori in tribunale per motivi che secondo le convenzioni Onu sulle droghe, l'unico organismo che ha il potere di regolare l'uso medico delle droghe proibite è una "azienda speciale" e che agenzia non era stato stabilito a suo tempo dalla il governo.



Pochi mesi fa, in una storica decisione, il governo israeliano ha deciso ufficialmente di formare e di bilancio la creazione di questo "speciale multi-agenzia ministeriale", composto da rappresentanti del MOH, la polizia, Ministero delle Politiche Agricole, Anti-Drug autorità e il ministero della Sicurezza interna. L'agenzia governativa monopolistici regolerà tutti gli aspetti del programma MC incluso il rilascio delle offerte per i coltivatori, distribuzione, importazione ed esportazione. Si suppone di iniziare ad operare in ritardo nel corso del 2012.
Da Boaz Wachtel (con l'aiuto di Peter Webster)

Traduzione testo by Google Translate 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...