Translate

sabato 29 ottobre 2011

Cannabis terapeutica. Il ‘Ferrari' è il primo ospedale in Puglia

Ascolta il post Listen to this Page. Powered by Tingwo.co
Casarano. Da un anno il farmaco "Bedrocan" viene somministrato gratuitamente a cinque pazienti affetti da sclerosi multipla per lenirne i dolori
Ospedale Ferrari di Casarano
CASARANO - Il presidio ospedaliero "Francesco Ferrari" diCasarano è il primo e unico ospedale in Puglia a sperimentare la somministrazione di cannabis terapeutica. Sì, proprio la marijuana, che in Italia è sempre considerata una droga (ne sono vietati l'uso e la coltivazione domestica). Nonostante questo, però, la cannabis viene applicata come terapia in svariate malattie dove i farmaci tradizionali non sono sufficienti. Da circa un anno la cannabis viene somministrata gratuitamente al "Ferrari" di Casarano a cinque pazienti affetti da sclerosi multipla. Il farmaco viene importato dall'Olanda attraverso un lungo e complesso percorso burocratico che coinvolge, tra gli altri, il Ministero della Salute italiano e l'Ispettorato alla salute olandese.

I cinque pazienti, segnalati dal "Centro di sclerosi multipla", ogni mese vengono legalmente trattati da cannabinoidi per lenire le terribili sofferenze che la malattia provoca e che irrigidisce i muscoli. Ai malati di Sla vengono servite specie di tisane, a base di cannabis, che non stordiscono il paziente, come si potrebbe pensare, ma rilassano i muscoli contratti, a causa del potente irrigidimento, e allevia i fortissimi dolori. Il farmaco ("Bedrocan" a base di fiori essiccati di cannabis) viene custodito in una cassaforte all'interno della farmacia del presidio ospedaliero, diretta dalla dottoressa Agnese Antonaci
La somministrazione del farmaco è possibile in base a due norme: un decreto dell'aprile 2007, firmato dall'allora ministro della salute Livia Turco, e una delibera della giunta regionale del 2010, firmata dall'attuale presidente della regione, Nichi Vendola. Il decreto ministeriale inserisce i cannabinoidi tra i farmaci, la delibera regionale ne stabilisce l'erogazione a carico del servizio sanitario regionale. La Puglia, insieme al Molise, è l'unica regione a distribuire il farmaco gratuitamente. Nelle altre regioni la spesa è a carico del cittadino e il prezzo può sfiorare anche i 500 euro.

"Ci tengo a dire che non si tratta di una sperimentazione, ma è la messa in pratica di una norma della Regione Puglia – precisa la direttrice del ‘Ferrari', Gabriella Cretì –; il paziente viene segnalato dal Centro di sclerosi multipla, gestito dai dottori Pasca e De Masi, sulla scorta di due patologie: rigidità degli arti superiori e sindrome dolorosa degli arti inferiori e superiori. All'inizio si somministrano piccole dosi del farmaco. Se poi il paziente si rivela trattabile, le dosi possono essere aumentate". Il "Bedrocan", quindi, è il farmaco che viene utilizzato dall'ospedale di Casarano ed è importato dall'Olanda.

Anche se il canale individuato per l'importazione del farmaco è stato ulteriormente perfezionato, soprattutto a favore dei pazienti affetti da sclerosi multipla, il percorso burocratico per ottenerlo rimane lungo e complesso. Si parte dalla prescrizione del medico, che il malato di Sla consegna alla farmacia ospedaliera del "Ferrari", che a sua volta deve ricevere un'autorizzazione da Roma, dal Ministero della Salute. Ricevuta l'autorizzazione, l'economato dell'ospedale fa l'ordine all'azienda farmaceutica olandese, che deve chiedere l'autorizzazione al suo Ispettorato alla sanità. Ricevuto il permesso, l'azienda invia il "Bedrocan" all'ospedale di Casarano che lo distribuisce ai pazienti.
Il tutto attraverso un carteggio che deve essere sempre prodotto in originale, senza utilizzo di fax né e-mail, per evitare falsificazioni. In Italia, la cannabis terapeutica non è usata solo per i pazienti di sclerosi multipla. A fronte dei buoni riscontri medici ottenuti, la lista delle malattie curabili con la cannabis è piuttosto lunga: terapie del dolore, sclerosi multipla, nausea e vomito in chemioterapia, stimolazione dell'appetito nei casi di Aids. E ancora: glaucoma, traumi celebrali, ictus, sindrome di Tourette, epilessia, artrite reumatoide e altre ancora in fase di sperimentazione.


Dell'argomento ha parlato il "Manifesto" in un articolo a firmaMaria Luisa Mastrogiovanni pubblicato il 7 aprile 2010.
Lo riportiamo di seguito.

Puglia, sì a cure con la cannabis

Di Maria Luisa Mastrogiovanni

Via libera all'utilizzo dei farmaci a base di cannabis per i malati terminali in Puglia, che da oggi sono a totale carico del servizio sanitario regionale. La delibera di giunta (n.308/10) firmata dall'assessore alla sanità Tommaso Fiore, uno degli ultimi atti del governo Vendola, infatti, autorizza le farmacie ospedaliere delle aziende sanitarie a garantire l'erogazione dei cannabinoidi a carico del Servizio sanitario regionale, in caso di carenza sul mercato italiano. Significa che i farmaci dovranno essere somministrati a pazienti in regime di ricovero o in day hospital o in regime di assistenza domiciliare integrata.

La Puglia è la seconda in Italia, dopo la Toscana, ad "aprire" ai derivati delle cannabis per uso terapeutico che, tuttavia devono essere importati in quanto, lo conferma la determina della Puglia, nel nostro Paese non sono disponibili formulazioni commerciali registrate.
Di fatto quindi, la lunga trafila burocratica per l'approvvigionamento dall'estero dei farmaci rimane, ma a farla saranno le Asl di competenza, che poi pagheranno anche il conto: una sola confezione di medicinale costa 600 euro ed è sufficiente per un mese.

Potranno beneficiare del rimborso sanitario i malati terminali di cancro o i pazienti affetti da sclerosi multipla, in quanto l'utilizzo dei cannabinoidi è previsto come trattamento nella terapia del dolore.
Si tratta di un palliativo, ma fondamentale per un esercito di oltre 58mila persone ammalate di sclerosi multipla in Puglia e di quasi novemila malati terminali di cancro. Infatti al secondo posto tra le cause di decesso si collocano i tumori (27,7 per cento del totale dei decessi), con un tasso di mortalità pari a 221,2 per 100 mila abitanti, 268,2 per i maschi e 176,0 per le femmine.

Se si pensa che in Italia ogni anno sono 250mila i malati terminali, si può immaginare l'impatto positivo che «l'esportazione» di una simile determina potrebbe avere sull'intera popolazione.
Nel 2007 un decreto ministeriale aveva inserito le principali sostanze psicoattive naturali derivate dalla cannabis sativa (il delta-9 tetraidrocannabinolo -Thc; il Cannabidiolo - Cbd), tra quelle che potevano essere importate in mancanza di «valide alternative» sul mercato italiano.
Recependo e applicando quel decreto dunque, la Puglia autorizza ad utilizzare i derivati della cannabis, sempre e solo in mancanza di «valide alternative», solo come terapia del dolore e solo per pazienti ricoverati. Tra le patologie ammesse alla cura e al rimborso spasticità secondaria a malattie neurologiche, nausea e vomito non sufficientemente controllati indotte da chemioterapia o radioterapia, dolore cronico neuropatico non risponde ai farmaci disponibili.

Per avere accesso ai nuovi farmaci, è necessario seguire un rigido iter: i pazienti per iniziare la somministrazione devono essere ricoverati. Solo successivamente potranno continuare la terapia a casa. Possono essere prescritti solo dal medico specialista in neurologia, oncologia o preposto al trattamento della terapia del dolore, alle dipendenze di strutture sanitarie pubbliche. La certificazione ha una validità di sei mesi e la prescrizione 30 giorni. La farmacia ospedaliera, ricevuta la prescrizione medica, può ordinare il farmaco tramite l'Ufficio centrale stupefacenti del ministero della Salute. Non si possono acquistare quantitativi superiori a quelli necessari a coprire una cura di sei mesi. Superato questo periodo, la trafila ricomincia.

Per i malati di sclerosi multipla, quelli che maggiormente saranno interessati dal provvedimento, questa decisione è un importante successo. In tutto il mondo infatti si sono registrati importanti miglioramenti nella sintomatologia, fin quasi a farla scomparire del tutto. Già il 28 novembre 2009 la Puglia aveva dimostrato grande attenzione a questa patologia, quando partirono i contributi-assegni di cura per i malati di SLA disposti dall'assessore regionale alla Solidarietà, Elena Gentile, oggi in odore di riconferma. «Con l'introduzione dell'Assegno di cura -spiega l'assessore Gentile- per i malati di Sla e a supporto dei loro nuclei familiari, anche la Puglia è entrata nel piccolissimo gruppo di regioni che presta una concreta attenzione ai malati di Sla». Una tappa importante a cui si aggiunge quest'ultima della gratuità delle cure tramite i cannabinoidi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...