Translate

giovedì 30 giugno 2011

Canapa favoritismi o mazzette per continuare a speculare sulla magica pianta che cresce ovunque vergognatevi

Ascolta il post Listen to this Page. Powered by Tingwo.co
IL DPA E' STATALE O MALAVITOSO? OPPURE QUESTE DUE PAROLE HANNO LO STESSO SIGNIFICATO? NON POSSONO PIU NASCONDERE CHE LA CANAPA E' UNA MEDICINA E QUINDI ADESSO SI DEVE MONOPOLIZZARE IL MERCATO E DARE IL DIRITTO SOLO ALLE DITTE FARMACEUTICHE DI PIANTARE
Il Dpa  Coalizzato o minacciato dalle ditte farmaceutiche per continuare ad avvelenare i MALATI  e non dare la possibilita’ al popolo di curarsi in modo naturale come facevano gli antichi
Il Dpa ha risposto nuovamente all’ascia e all’associazione antiproibizionisti ITALIANi in Maniera Negativa per quanto concerne la coltivazione domestica della cannabis per uso curativo, inventando menzogne che non si possono davvero sentire….. La canapa è stata utilizzata fin dall’antichita di preciso 2800 anni avanti cristo per varie sintomatologie in maniera totalmente naturale….col passare degli anni e con l’avvento dell’industria si è cercato in tutti i modi di nascondere le proprietà mediche che questa pianta aveva sugli esseri viventi per favorire le industrie farmaceutiche alle cure naturali di gran lunga piu' efficaci…..Ma al giorno d’oggi visto che le proprieta curative non si possono piu nascondere in quanto evidenti e conociute da tutti stanno cercando in tutti i modi di trovare un modo per monopolizzare il mercato dal punto di vista farmaceutico e questa è la risposta che il DPA ha dato al popolo italiano
La proposta di permettere la coltivazione domestica della cannabis, "oltre a non essere compatibile n‚ con la nostra legislazione n‚ con i trattati internazionali, e' totalmente inaccettabile": cosi' il Dipartimento antidroga replica all'associazione Ascia, che propone la depenalizzazione della coltivazione in casa della marijuana.
Il Dpa smentisce anche quanto affermato dall'Ascia e dall'Associazione radicale antiproibizionista in merito agli effetti sulla salute del consumo di questa sostanza: vuol dire, secondo il Dipartimento, "non voler prendere atto delle evidenze scientifiche sempre piú chiare relativamente alla pericolosità di questa sostanza". "Nessuna manipolazione quindi - aggiunge il Dpa - n‚ tantomeno falsificazione di dati (accuse gratuitamente diffamatorie che invitiamo fortemente a circostanziare), ma solo la diffusione di verità che derivano esclusivamente dalla ricerca piú avanzata e accreditata.
Proprio la ricerca scientifica piu moderna mette in luce inequivocabilmente i danni alla salute psichica correlati all'uso di cannabis (Kuepper R. e altri 2011) e la capacità di dare dipendenza (Melis e altri 2005, Robinson e Kolb 2004; Alan J. e altri 2003). Vari studi inoltre evidenziano che, non solo l'uso di questa sostanza accelera il processo di comparsa di disturbi psicotici soprattutto nei giovani, ma che evitando il consumo si possa ritardare o, in alcuni casi, prevenire l'insorgenza di gravi psicosi. Per le persone vulnerabili, inoltre, la cannabis si è dimostrata sostanza in grado di attivare e agevolare un percorso verso sostanze quali la cocaina e l'eroina con sviluppo di una ulteriore dipendenza".
Quanto alla proposta di permettere l'autocoltivazione, il Dpa sottolinea che non è possibile autorizzare la coltivazione non strettamente regolamentata e controllata di una sostanza tossica. "Non si possono confondere peraltro i piani medici di potenziale utilizzo del Thc (principio attivo della cannabis, ndr) come farmaco per alcune patologie con quello di un'autocura, magari autoprescritta e senza alcun controllo, fuori da qualsiasi prescrizione medica, sulla base di una precisa diagnosi. La coltivazione domestica quindi resta totalmente da rifiutare come idea illegale e inaccettabile anche da un punto di vista medico" conclude il Dpa.


ADESSO CARO POPOLO ITALIANO VISTO CHE NELL’ULTIMO PERIODO NON PARLIAMO DI ALTRO. DITEMI VOI SE NON VI VIENE DA PENSARE CHE QUALCUNO FACCIA PRESSIONE O FAVORITISMI IN CAMBIO DELLA PUBBLICAZIONE DI MENZOGNE COSI’ EVIDENTI
IN SERRA NELLE DITTE FARMACEUTICHE SI PUO' PIANTARE E NEL GIARDINO DI CASA NO? QUAL'E' LA DIFFERENZA? NOI A CASA LA COLTIVEREMO CON CONCIMI NATURALI E LORO? CON CONCIMI SINTETICI? 


NON CI HANNO RUBATO ABBASTANZA SOLDI IN TUTTI QUESTI ANNI.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...